Ominide 1503 punti

Eraclito di Efeso - Brevi note sul pensiero filosofico


La costante della dottrina eraclitea è la ricerca del logos. Il Logos è un concetto astratto, che rappresenta una saggezza universale e definitiva a cui tutti dovrebbero fare affidamento. La capacità di pensare è un tratto distintivo dell'umanità, poichè secondo Eraclito la specie umana è dotata della cosiddetta "comunanza della ragione".
Per Eraclito riveste vitale importanza la ricerca della propria intimità più autentica, perchè solo indagando sè stessi si può raggiungere la vera conoscenza, anche se non tutti sono in grado di compiere questo percorso.


Il semplice accumulo di nozioni non è sufficiente a definire qualcuno come sapiente, perchè condizione sufficiente e necessaria per definirsi tali è l'educazione dell'anima alla via della ricerca. Gli uomini spesso non sono in grado di compiere questo percorso all'interno di sè stessi, lui definisce dormienti coloro che non utilizzano la loro intelligenza per approfondire la complessa natura di ciò che ci circonda. Secondo Eraclito la realtà sensibile è regolata da una legge denominata "coincidenza degli opposti". Dai contrari nasce l'unitarietà e dell'unitarietà nasce l'opposizione, che esiste e non rende meno perfetta l'armonia del mondo. Il principio primo è il fuoco, simbolo della mutevolezza, del principio di continuo cambiamento, il "panta rei". Il fuoco (eterno) per Eraclito costituisce anche il simbolo dell'ordine dell'universo, a simboleggiare il continuo cambiamento delle cose.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email