Fgholit di Fgholit
Ominide 85 punti

Il quadro delle scienze


L'intero quadro dello scibile è suddiviso da Aristotele in tre grandi partizioni;
-le scienze teoriche; hanno per oggetto il necessario, che non può essere diverso da com'è, hanno come scopo la coscienza disinteressata del vero.
Esse sono dette teoriche perché si prefiggono quale obbiettivo soltanto l'osservazione e la comprensione della realtà.
Aristotele attribuisce il massimo rigore scientifico, a questo ambito appartengono; la metafisica, la fisica e la matematica.
-le scienze pratiche; hanno per oggetto il possibile, indagano l'ambito dei comportamenti umani sia a livello individuale;l'etica che a livello collettivo; la politica.
Esse sono legate come alla mutevolezza dell'essere umano, non possono raggiungere il rigore delle scienze teoriche, ma rivestono comunque un ruolo di grande rilievo.
-le scienze produttive; si collocano a livello più basso della conoscenza e comprendono le belle arti e le tecniche; dall'architetture alla tessitura.
Sono scienze che si fondano sulle regole di produzione materiale tipiche di ogni tecnica e suppongono un bagaglio conoscitivo di tipo pratico che si tramanda di padre in figlio.
La logica analitica non viene inclusa da Aristotele tra le scienze, poiché viene considerata come uno strumento per il ragionamento e tutto il sapere scientifico in generale.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email