gaiabox di gaiabox
Ominide 3551 punti

La conoscenza sensibile

La dottrina aristotelica della conoscenza mira a superare il rigido dualismo istituito da Platone tra conoscenza sensibile e conoscenza razionale. Mentre Platone concepisce sensibilità e ragione come sfere dell'esperienza umana irriducibili l'una all'altra, relative a oggetti ontologicamente diversi (mondo sensibile e mondo intelligibile), Aristotele tende a ricomporre i due tipi di conoscenza in un processo unico e relativo a oggetti appartenenti a un medesimo piano del reale, che è quello del mondo in cui si svolge la nostra vita.

Questo processo, che prende avvio dalla percezione sensibile e su di essa si basa, si compie nella ragione e nella conoscenza razionale. Per Aristotele, infatti, «se non si percepisse nulla coi sensi, non si apprenderebbe, né si comprenderebbe nulla» neppure con la ragione. La sensazione (disthesis) è spiegata da Aristotele utilizzando le nozioni di potenza e atto ossia come il passaggio di un senso, per esempio la vista, dalla potenza, la mera possibilità di vedere, all'atto, cioè l'attuale percezione visiva di un oggetto, in concomitanza dello stimolo esercitato sul senso dall'oggetto. Ciò che il senso percepisce dell'oggetto è quella che Aristotele chiama forma sensibile, corrispondente alla sua immagine sensibile (aspetto, colore ecc).

In altre parole, per Aristotele nella percezione accade che l'immagine dell'oggetto venga riflessa, come da uno specchio, dal senso, che in questo modo si attua (come l'atto dello specchio sta nel riflettere, così quello dell'organo di senso sta nel percepire). Anche l'oggetto sensibile si attua come tale solo in quanto viene percepito, essendo altrimenti sensibile solo in potenza: al buio, o quando è fuori dalla portata dello sguardo, un oggetto è infatti visibile solo potenzialmente e si attua come oggetto visibile solo quando è effettivamente visto e percepito da qualcuno.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email