gaiabox di gaiabox
Ominide 3551 punti

Le categorie come generi massimi

Tra i molteplici significati di "ente", si segnalano innanzitutto quelli legati alla suddivisione in categorie, presentata da Aristotele nello scritto intitolato Categorie. La svariata molteplicità degli enti viene classificata e raggruppata in poche, amplissime classi: le categorie, appunto. Aristotele ne indica dieci: sostanza, qualità, quantità, relazione, dove' quando, giacere, avere, agire, patire.
La categoria di sostanza include tutti quegli enti che hanno un'autonoma capacità di sussistenza, cioè non dipendono per esistere da altro se non da se stessi: si tratta di tutte le cose concrete come uomini, astri, animali, piante, minerali, gli stessi oggetti prodotti dall'uomo ecc. La categoria di qualità comprende le proprietà sensibili come colori, odori, sapori ("rosso", "dolce"), ma anche quelle astratte ("educato", "coraggioso").

La categoria di quantità include le determinazioni quantitative, di peso, di lunghezza ecc. ("di tre cubiti", "di un metro"). La categoria di relazione implica il confronto tra enti ("maggiore di", "il doppio di"). Altre categorie sono quella di luogo (comprende le determinazioni spaziali come "in piazza") e quella di tempo (comprende le determinazioni temporali come "ieri", "l'anno scorso").
La scienza dell'ente in quanto ente sarà allora scienza della sostanza, della qualità, della quantità ecc. e dei rapporti che intercorrono tra queste categorie. Sulla base di quanto detto possiamo concludere che le categorie sono i generi massimi (cioè i generi più estesi) in cui possono essere compresi tutti gli enti di un determinato tipo, esprimenti uno stesso aspetto del reale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email