Fgholit di Fgholit
Ominide 85 punti

[h1]Vita di Aristotele[/h2]

La vita di Aristotele si colloca nella fase storica dove vi era la crisi del sistema politico delle città-stato.
La Grecia cadde sotto la dominazione macedone e nel giro di pochi anni al termine delle conquiste di Alessandro Magno, divenne parte di un vastissimo impero.
La crisi politico economica delle città-stato non impedì però alla polis di avere grande sviluppo culturale.
Aristotele nacque a Stagira nel 384 a.C, aveva un grane interesse per la scienza epicurea ed all'età di 17 anni entrò nella scuola di Platone.
Aristotele aveva una grande personalità; tant'è che gli venne dato il soprannome "il lettore" perché al contrario dei suoi coetanei leggeva lui stesso in prima persona i testi cosa che non veniva fatta dai suoi coetanei che se li facevano leggere dai loro schiavi.
Alla morte di Platone lasciò la scuola e si recò ad Asso il quale insieme a due suoi ex compagni tenne probabilmente per la prima volta uno studio autonomo.

Aristotele sposò Pitia ossia la figlia di Ermia il quale al tempo era alleato con Filippo.
Quando più tardi Alessandro ascese al trono Aristotele ormai cinquantenne ritorno ad Atene.
Grazie all'amicizia che tenne con Alessandro, Aristotele ebbe numerosi finanziamenti che facilitarono le ricerche e lo aiutarono a creare il LICEO che comprendeva; l'edificio, il giardino e la passeggiata che veniva definita con il nome peripato. La morte di Alessenadro Magno provocò l'insurrezione del partito nazionalista ateniese contro il dominio macedone e mise in pericolo Aristotele che fuggì a Calcide dove morì l'anno seguente.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email