Riego di Riego
VIP 1004 punti

ALCMEONE

Alcmeone di Crotone visse tra la fine del VI e l’inizio del V secolo a.C. negli stessi anni in cui a Crotone si sviluppava la scuola pitagorica della quale non si sa con certezza se ne fece parte o meno. Medico scrupoloso e capace, Alcmeone fu il primo ad effettuare la dissezione sugli animali. Egli giunse così alla sua scoperta fondamentale: gli organi di senso sono connessi al cervello. Secondo Alcmeone è compito del cervello il compito di elaborare, organizzare e dotare di significato conoscitivo i dati sensoriali forniti dagli organi di senso. La conoscenza dunque non si esaurisce nella ricezione percettiva della realtà esterna, ma richiede un ulteriore lavoro di costruzione mentale e questo lavoro viene svolto dal cervello. Con ciò Alcmeone stabiliva, su basi scientifiche, una netta distinzione tra soggetto conoscente e oggetto conosciuto o da conoscere; Alcmeone separava la conoscenza sensitiva dei cinque organi di senso da quello intellettiva. Nel pensiero greco arcaico e secondo Empedocle(V secolo a.C.) ed Aristotele(IV secolo a.C.) sostennero la tesi secondo la quale era il cuore a svolgere il ruolo centrale nei processi psichici. Nella tradizione greca il cuore fu percepito come la sede per eccellenza dei processi vitali compresi quelli conoscitivi e il cervello fu declassato ad organo avente il compito di raffreddare il corpo mentre il fegato fu considerato sede del coraggio. Il grande merito di Alcmeone fu di aver posto nel cervello l’organo della vita psichica dell’uomo in un’epoca in cui tale funzione era riconosciuta al cuore.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email