Ominide 8039 punti

Il motore diesel

Il motore usato dagli autocarri e, in generale, dal traffico pesante, è il motore Diesel che deve il suo nome all'ingegnere tedesco Rudolph Diesel. Attualmente, data la sua economicità, si cerca di ampliarne il campo di applicazione anche nelle autovetture. Come il motore a scoppio, anche il motore Diesel può funzionare in modo da compiere un ciclo completo con quattro corse dello stantuffo. Da un punto di vista costruttivo, le principali caratteristiche del motore a nafta sono l'assenza delle candele e l'assenza del carburatore. Tali caratteristiche, però, si ripercuotono necessariamente anche sul ciclo di funzionamento. Esaminiamo le differenze tra motore a scoppio e motore Diesel.
-Durante la 1 fase, nel motore a scoppio viene aspirata la miscela di aria-benzina; mentre nel motore Diesel lo stantuffo esegue la corsa di discesa e viene aspirata solamente l'aria attraverso un apposita valvola.
-Durane la 2 fase, nel motore a scoppio si comprime la miscela; nel Diesel, invece, viene compressa soltanto l'aria che raggiunge 600-700 °C di temperatura.

-Durante la 3 fase l'elevata temperatura dell'aria fortemente compressa provoca l'accensione spontanea del combustibile iniettato da una pompa nell'interno della camera di combustione ( questo nome è dovuto al fatto che in essa, anzichè uno scoppio, avviene ua combustione graduale del gasolio a mano a mano che viene iniettato).
-Durante la 4 fase, un pò prima che lo stantuffo raggiunga il punto morto inferiore, si apre la valvola di scarico e inizia la fuoriuscita dei gas della combustione; tale fuoriuscita si completa durate la risalita dello stantuffo.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Tecnica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità