Video appunto: Lana e lane speciali

La lana



La lana è la fibra che si ottiene dal vello degli ovini e dai peli di altri animali (come cammello, capra Cashmere, capra d’Angora, vigogna, alpaca, lama). Le migliori lane sono quelle delle pecore Merinos, Rambouillet e delle razze inglesi; tra quelle italiane, particolarmente pregiata è la lana della Gentile di Puglia.
Le caratteristiche della lana sono molte e dipendono dalla razza, dalle condizioni d’allevamento e d’alimentazione, dall'età dell’animale, dalla zona del vello (spalle, cosce, fianchi, etc.). Alcune qualità sono:
- la finezza: influisce sulla grossezza del filato, e in base ad essa si classificano in lane fini, medie e grosse;
- l’arricciatura: fa diventare la lana morbida, soffice e leggera; inoltre le conferisce un ottimo potere isolante;
- il colore: tipicamente bianco avorio;
- l’elasticità: è la più elevata fra tutte le fibre naturali, mentre la sua resistenza alla trazione è piuttosto scarsa;
- la capacità igroscopica, cioè quella di assorbire l’umidità.
Per effetto del calore, dell’umidità e della compressione, la lana diventa una massa compatta (feltro), nella quale le fibre s’intrecciano così fortemente fra di loro che non è più possibile separarle. Le lane sono utilizzate per la tessitura e per la maglieria. Quelle migliori dal punto di vista della qualità sono idonee alla produzione di pettinati, le altre di cardati o di tappeti. Una piccola parte è indirizzata alla produzione di feltri per cappelli, materassi o materiali isolanti.

Lane speciali



- Il cashmere è la fibra prodotta da una capra proveniente da Himalaya, Tibet Mongolia. Il vello, composto da peli lunghi e ruvidi, si completa d’inverno con un manto di peluria corta e soffice che, raccolta in primavera, costituisce la fibra tessile.
- Il mohair è la fibra prodotta dalla capra d’angora proveniente dalla Turchia, ma attualmente allevata anche in Sud Africa e negli USA. Simile alla lana, i tessuti più fini sono prodotti con la lana dei capretti.
- Il cammello ha un manto setoloso, lungo e folto, mentre il sottopelo è più morbido e lanoso, che in primavera cade e viene raccolto; questa fibra viene comunemente utilizzata nell'abbigliamento.
- La vigogna, camelide, vive sugli altopiani delle Ande. È ricoperta da un lungo vello e da un soffice sottopelo molto, che fornisce una fibra fine.
- L’alpaca, anch'esso camelide, è allevato sugli altopiani delle Ande, sia per le carni che per la lana. La tosatura è eseguita ogni due anni e il vello è simile a quello del mohair.
- Il lama, altro camelide delle Ande, produce una lana molto lucida, calda e più grossolana rispetto a quella dell’alpaca.