Ominide 8039 punti

La filatura consiste in una serie di trattamenti meccanici che trasformano le fibre tessili in filati, cioè in fili continui e uniformi. Le operazioni dei filati sono:
• sfioccamento e pulitura delle fibre tessili. Con questa operazione le fibre vengono pulite e sfioccate, ottenendo un nastro omogeneo che è l'ovatta.
• cardatura: che è il nastro di ovatta spezzato in ciuffi che viene fatto passare attraverso coppie di cilindri muniti di denti orientati in senso opposto e ruotanti a differente velocità.
• pettinatura: ha lo scopo di ottenere fibre lunghe, fini, tutte della stessa lunghezza, eliminando dal nastro le più corte . Vengono poi pettinati con lisciatori che le raddrizzano e le dispongono parallele.
• accoppiamento e stiratura: è la vera e propria trasformazione in filato; dalle macchine cardatrici e pettinatrici escono stoppini non omogenei in quanto a numero di fibre nei singoli tratti. Per renderli uniformi vengono sottoposti a una serie di accoppiamenti e stirature, i quali permettono di ottenere stoppini di diametro omogeneo e determinato.

• torsione definitiva o filatura propriamente detta: la torsione definitiva consiste nell'avvolgere su se stesse le fibre del filato per rinsaldarle e serrarle tra loro, così da assicurare le caratteristihe di resistenza meccanica ed elasticità. Questa operazione viene compiuta dai filatoi.
I filati sono in genere biancastri . La tintura può essere effettuata sui fili o direttamente sui tessuti , ma in genere la tintura in filo da rissultati migliori, estetici e di durata.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Tecnica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email