Ominide 2487 punti

Il disastro di Chernobyl

Quando si parla di radioattività si pensa al disastro avvenuto a Chernobyl il 26 aprile 1986, quando, a causa di un errore umano si verificò la fusione del reattore con conseguente dispersione nell’ambiente di particolati radioattivi.
Questi elementi furono trasportati dalle correnti d’aria in tutta Europa. La dispersione di sostanze radioattive nell’ambiente naturale causò moltissimi morti e l’insorgenza di gravi patologie.
Ma il nucleare usato nel campo della di agonistica e della cura medica, rappresenta un possibile rimedio per alcuni gravi malattie, come nel caso della radioterapia. Questa si pratica somministrando radio farmaci.
Tali dosi sono mortali quando vengono irridiate su tutto il corpo, ma, se vengono invece opportunamente dirette su una piccola zona interessata, distruggono le cellule tumorali con notevoli benefici per il paziente. Oggi è molto usato il carbonio 14, radioattivo, per la datazione dei reperti archeologici.

È come se il carbonio 14 rappresentasse un orologio temporale, con cui è possibile determinare il periodo di fossilizzazione o la datazione di un reperto archeologico.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Tecnica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità