Ominide 407 punti

Sport: vari tipi di traumi

I traumi muscolari

Pur essendo elastico, il tessuto muscolare può subire danni se sottoposto a eccessivo lavoro.
Il crampo: il crampo è la contrazione involontaria di un muscolo o di un gruppo di muscoli che si manifesta in modo eccessivo e doloroso. Può essere causato da un accumulo di acido lattico, in seguito a un affaticamento eccessivo o anche dal freddo. Si manifesta con dolore nella zona colpita. Per prevenirlo, è molto utile eseguire un adeguato riscaldamento prima dello sforzo fisico.

Lo stiramento: quando il muscolo viene sottoposto a uno sforzo fisico si allunga forzatamente e alcune fibre muscolari si lacerano. Questo si chiama stiramento e si manifesta con una sensazione di dolore e irrigidimento involontario del muscolo colpito. È necessario interrompere l’attività fisica, onde evitare che lo stiramento degeneri in uno strappo. Anche i rischi di uno strappo si possono ridurre grazie a un buon riscaldamento prima dell’attività motoria.

Lo strappo: è una rottura parziale o completa delle fibre muscolari che si verifica in caso di sforzi eccessivi e non coordinati. Si prova un dolore molto acuto e non si riesce quasi a non muovere la parte lesa, che può gonfiarsi.
Anche in questo caso si può prevenire lo strappo con un buon riscaldamento.

Primo soccorso:
In caso di crampi: distendere il muscolo colpito e massaggiare delicatamente.
In caso di stiramento(e presunto strappo): trattare la parte lesa con impacchi freddi.
Occorre sospendere l’attività motoria e chiamare un medico.

I traumi ossei
Le nostre ossa sono solide ma, come tutte le parti del nostro corpo, possono subire lesioni chiamate traumi.
La rottura di un osso è chiamata frattura. Quando un osso è fratturato, la parte lesa si gonfia e non riesce a muoverla completamente. La frattura può essere:

Semplice: l’osso fratturato si è spezzato in due parti.
Multipla: l’osso fratturato si è spezzato in tre o più parti.
Composta: la frattura composta avviene quando le parti dell’osso fratturato mantengono la posizione naturale.
Scomposta: la frattura scomposta avviene quando le parti dell’osso fratturato non mantengono la posizione naturale.
Esposta: la frattura è esposta quando una parte dell’osso affiora all’esterno.

Primo soccorso
Per la frattura occorre immobilizzare la parte lesa, applicare, non direttamente, sulla parte del ghiaccio. Se la frattura è esposta coprire con garze sterili. Chiamare subito un medico.

I traumi delle articolazioni e dei legamenti

L’articolazione può subire una distorsione o una lussazione.
La distorsione: la distorsione è il momentaneo allontanamento dei due capi di articolazione, che rimangono però nella loro sede naturale. In seguito a ciò i legamenti subiscono una lesione. La parte lesa si gonfia e non si muove più correttamente. Può verificarsi un versamento di liquido sinoviale nell’articolazione, che si manifesta con un grosso gonfiore.
La lussazione: è uno spostamento permanente dei capi articolari. Se rimane almeno un punto di contatto tra i capi è detta sublussazione. La lussazione determina anche una lesione dei legamenti. La parte lesa è gonfia e deformata.
La rottura dei legamenti: a causa di un trauma violento, il legamento interessato si rompe. Anche in tal caso la parte lesa si gonfia.

Primo soccorso
In caso di distorsione e rottura dei legamenti: bloccare la parte lesa, applicare impacchi freddi e accompagnare l’infortunato al pronto soccorso.
In caso di lussazione: la parte lesa va bloccata e vanno applicati impacchi freddi. L’infortunato va portato al pronto soccorso immediatamente.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Motoria per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email