Ominide 651 punti

Il lavoro e i diritti dei lavoratori


In Italia la Costituzione riconosce ai lavoratori i seguenti diritti fondamentali:
• Retribuzione, proporzionata in base alla qualità e alla quantità del lavoro svolto;
• giornata lavorativa: limite massimo di otto ore;
• riposo settimanale e ferie annuali.

Ora, l’articolo 37 riconosce attente tutele per le donne lavoratrici, stabilendo i diritto alla parità di trattamento. Bisogna dire, che:
• È vietato il licenziamento, in caso di matrimonio, gravidanza o durante il primo anno di vita del proprio bambino;
• diritto di riposo, con conseguente retribuzione.
In quanto ai minorenni, la legge permette solo a coloro che hanno 16 anni in su di percepire un salario. (Eccezione fatta per attori o artisti, ai quali è permesso avere un salario al di sotto dei 16 anni).

Ora, prima di concludere, apriamo una piccola parentesi sulla tipologia di lavoro. Il lavoro, può essere:
• Dipendente (un lavoratore è alle dipendenze di un altro lavoratore, da cui ottiene la sua retribuzione);
• autonomo (lavoratori indipendenti che possono assumere lavoratori dipendenti).

Infine, c'è da dire, che con gli articoli 39 e 40 la Costituzione italiana permette ai lavoratori di associarsi e scioperare, affinché possano difendere i propri diritti.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Civica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email