Sapiens 7297 punti

In un gruppo è divertente stare tutti insieme; anche se, a dire la verità, non sempre è facile fare parte di un gruppo: bisogna infatti saper convivere. Ci si sente accomunati dagli stessi interessi, si condividono le stesse idee, si cerca di agire nello stesso modo, di uniformare i propri comportamenti secondo dei modelli comuni, approvati dal gruppo. Appartenere a un gruppo non significa che non si possa fare parte anche di altri gruppi, anzi si può fare parte di più gruppi contemporaneamente: ad esempio un ragazzo fa parte del suo gruppo-famiglia e poi del suo gruppo-classe nonché del suo gruppo-amici; e ancora, in quanto abitante di un quartiere, fa parte di quella collettività e poi ancora fa parte, in quanto cittadino, dell'aggregazione costituita dalla sua città di residenza, per non parlare delle associazioni sportive di cui è membro.
Quando, però, il legame fra i vari componenti del gruppo stesso è avvertito come molto stretto o addirittura esclusivo, si verifica uno dei rischi più gravi che comporta l'appartenenza a un gruppo, che consiste nel considerare le persone al di fuori del gruppo come estranee, diverse, a volte inferiori se non addirittura nemiche.

Questo ragionamento, portato fino alle sue più estreme conseguenze, può generare sentimenti di intolleranza talmente forti che possono sfociare addirittura in atteggiamenti estremisti e violenti, che vanno dall'emarginazione, che può riguardare anche chi, all'interno del gruppo stesso, non si adegua nei comportamenti e nel modo di pensare al modello imperante, a forme esasperate di nazionalismo (quando un popolo ritiene di essere superiore a un altro), al razzismo (quando una razza si ritiene superiore a un'altra) o può trovare tristi e inquietanti riflessi anche nell'intolleranza religiosa verso chi appartiene a una fede diversa e così via. E il passo non è poi così lungo (e purtroppo la storia ce lo insegna) dalle varie forme di intolleranza e di mancanza di solidarietà fino alla violenza nei suoi vari aspetti e alla guerra. Vivere insieme, invece, è tutt'altra cosa; è innanzi tutto rispettare gli altri; è garantire a tutti gli stessi diritti; è affermare e seguire la legge morale della giustizia e della solidarietà ed è proprio perché non prevalgano atteggiamenti violenti e di sopraffazione che vedrebbero il dominio solo dei forti e dei prepotenti, che l'uomo si è dato delle norme, le leggi, nel cui rispetto e nella cui osservanza è la sola possibilità di convivenza civile.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Civica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017