Sapiens Sapiens 12226 punti

Il razzismo


L'improvvisa comparsa di tanti rifugiati extracomunitari e la crescente presenza di immigrati di colore hanno rivelato un preoccupante fenomeno che si riteneva inesistente nel nostro Paese: il razzismo. Il razzismo è l'odio irragionevole di una razza per un'altra; è una specie di disprezzo da parte di popoli (che si considerano superiori perché ricchi e forti militarmente) per quelli che considerano popolazioni inferiori. Il razzismo provoca — come reazione —risentimento e odio da parte di quelli che sono offesi e emarginati a causa della loro appartenenza a una razza ritenuta inferiore. Alla base del razzismo c'è l'ignoranza, infatti sono gli ignoranti che si lasciano guidare dai pregiudizi, cioè giudicano gli altri e arrivano a certe conclusioni (per esempio: «i neri sono brutti e cattivi») a causa di incomprensioni e sospetti spesso privi di fondamento. Per quanto possa sembrare incredibile, oggi esistono ancora persone che credono nella superiorità della razza bianca e nell'inferiorità di quella nera, nonostante la scienza abbia dimostrato che questo pregiudizio è una falsità enorme. Nel 1950 l'UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) preparò la Dichiarazione sulla razza e le differenze razziali, in cui si denunciava l'assurda follia del razzismo e si affermava che era priva di fondamento scientifico qualsiasi pretesa che presunte razze «superiori» avessero diritto al dominio sulle altre.
Hai bisogno di aiuto in Educazione Civica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze