Ominide 161 punti

Il Romanticismo in arte

Il Romanticismo nacque in Germania e si diffuse in Europa abbracciando tutte le forme artistiche; la letteratura, la musica, il teatro, la pittura, la scultura, l’architettura. Rifiutando la cultura neoclassica, giudicata troppo fredda e razionale, proponeva nuovi valori quali:
- Il sentimento, la spiritualità, l’emotività e la fantasia;
- La creatività libera da qualsiasi regola imposta;
- L’amore per la patria, che esorta all’impegno civile e alla lotta per l’indipendenza nazionale;
- La ricerca dell’identità nazionale attraverso il recupero delle proprie radici culturali.
Gli avvenimenti storici che sconvolsero l’Europa dell’Ottocento crearono una forte spinta alla costruzione di un’identità nazionale. Francia, Germania e Inghilterra ricercarono le proprie origini nel Medioevo riscoprendo il Gotico, riconosciuto come la radice della propria cultura. Nacque il Neogotico o Gotich Revival che si sviluppò principalmente nei paesi nordici. In Italia tale aspirazione si espresse nel Neoromanico, considerato un linguaggio tipicamente nazionale ritenuto di provenienza straniera. Il desiderio di recuperare i monumenti antichi, spinse gli architetti a ricercare i metodi per restaurare gli edifici storici. In seguito furono attuati interventi di restauro interpretativo, nel corso dei quali il progettista riportava l’edificio al suo antico splendore.

La Rivoluzione industriale portò grandi sconvolgimenti nella vita dell’uomo e nell’organizzazione del lavoro. L’introduzione delle macchine in agricoltura aumentò la produzione e ridusse il lavoro manuale. Questo determinò un progressivo spostamento di masse lavoratori.
La pittura romantica superò le regole stabilite dalle accademie che imponevo scelte precise rispetto ai soggetti, alle composizioni, alle tecniche pittoriche. Gli artisti scelsero di esprimere liberamente le proprie emozioni, esaltando le sensazioni dell’uomo nella convinzione che la vera bellezza fosse quella interiore. Sentimento e libera creatività assunse forme diverse nei vari paesi europei. Il Romanticismo affondava le sue radici nella corrente del “sublime”, che proponeva l’esaltazione dei sentimenti provati di fronte alla grandezza della natura.
Anche nella scultura i temi maggiormente rappresentati furono di carattere patriottico o riferiti a immagini semplici tratte dalla vita quotidiana.
Francesco Hayez (1791-1882) è stato un pittore italiano, massimo esponente del romanticismo storico particolarmente noto per l'opera del Bacio. Molte sue opere sono "criptate", cioè nascondono un messaggio nascosto (sicuramente politico), ad esempio nel Bacio, rappresentato in epoca medioevale, intuiamo il vero significato dell'opera, legata al suo tempo, con un patriota che sta per andare in guerra contro gli Austriaci.
Naturalmente in quegli anni era vietato rappresentare liberamente scene di questo tipo,ed è proprio così che Hayez decise di "camuffare" o "criptare" i suoi dipinti, trasponendoli in epoche passate. Il Bacio, è diventato infatti il "manifesto" del Romanticismo Italiano.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove