MiCo9 di MiCo9
Erectus 1005 punti

Pitture a figure nere e rosse

Nel VII secolo a Corinto nasce la pittura a figure nere. Si dipingono le figure e, prendendo uno stilo, si incidono sul vaso i particolari. Attraverso poi la cottura in un forno, la vernice diventa nera brillante e resistente. Da Corinto la tecnica passa ad Atene. Proprio la tecnica molto ricercata dava entrate ai vasai, come Antenore che lavorava presso la famiglia degli Alcmeonidi. Quindi la ceramica a figure nere si sposta definitivamente da Corinto ad Atene. Un esempio di questa ceramica Attica è il vaso "Giochi funebri in onore di Patroclo" dove vi è nel Primo registro un cavallo bianco. Di solito il colore bianco viene fissato dopo quello nero.
Queste pitture vengono definite anche schiagrafie (scrittura delle ombre). Un esempio è il vaso Francois firmato da Clizia e Ergotimo, ritrovato a Chiusi raffigurante più di trecento figure. La pittura a figure rosse nasce ad Atene ed è molto più naturalistica di quella a figure nere. I suoi massimi esponenti sono Eufronio che dipinge "Eracle ed Anteo" ed Exechias che dipinge senza registri e con poche figure come "Achille ed Aiace che giocano ai dadi".

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità