Ominide 2487 punti

Jean-François Millet: Le spigolatrici

Millet conosce bene la campagna e gli uomini che vi lavorano. Lui stesso, fin da ragazzo, ha fatto il contadino e anche quando diviene celebre non rinnega le sue origini. Dell'ambiente contadino ama i gesti quotidiani che intere generazioni hanno ripetuto: seminare un campo, mietere il grano o infornare il pane. Ma l'artista intuisce che a causa della Rivoluzione industriale anche la severa moralità di quel mondo rurale è destinata a perdersi e nelle sue tele intende documentarne la grandezza.
Questo celebre dipinto raffigura tre donne intente al lavoro in un campo di grano. Sono spigolatrici, raccolgono cioè quanto resta per terra una volta terminata la mietitura. Un lavoro ingrato, che permetteva di mettere insieme, alla fine di una faticosa giornata, poche manciate di spighe.
Attraverso il lavoro di queste donne, chine e senza volto, Millet testimonia con realismo le drammatiche condizioni della classe contadina. Sullo sfondo, il carro carico di messi, contrasta con la povertà delle spigolatrici ed esprime indirettamente il benessere dei proprietari terrieri.

DATA: 1857
TECNICA: Olio su tela
DIMENSIONI: 83,5x111 cm
COLLOCAZIONE: Parigi, Musée d'Orsay.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email