Ominide 2487 punti

Il Dadaismo

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, intellettuali e artisti da tutta Europa giungono in Svizzera, Paese neutrale. Alcuni di loro fondano a Zurigo il gruppo dadaista, riunito attorno al Cabaret Voltaire, un ritrovo in cui si recitano poesie, si canta, si suona, si può assistere a improvvisazioni teatrali.
Il Dadaismo ha lo scopo di causare un forte effetto di sorpresa e di disappunto nello spettatore, per farlo riflettere sulle convenzioni da lui accettate.
Dada significa semplicemente sì’ e si oppone a tutto ciò che in arte è considerato bello ed eterno.
I principali artefici del movimento sono: Ball, Arp, Duchamp e Ray.
Man Ray realizza a Parigi nel 1921 questo Cadeau (dono). A un vecchio ferro da stiro ha applicato una serie di chiodi, rendendone impossibile l’utilizzo; ma proprio per questa evidente contraddizione, esso stimola la curiosità e l’interesse di chi guarda.


L'astrattismo

Tra il 1911 e il 1914, alcuni pittori danno vita, a Monaco di Baviera, al gruppo denominato Der Blaue Reiter. Il gruppo si propone di introdurre un linguaggio antinaturalistico, che non imita il mondo reale.
L’arte astratta elimina qualsiasi riferimento alla realtà. Realizza composizioni mediante forme semplici e colori, ai quali viene attribuito un valore autonomo, non collegato a eventi o a oggetti riconoscibili.
PAUL KLEE
Uno dei principali pittori di questo movimento è Paul Klee.
Per Paul Klee l’arte, per quanto astratta, non può essere separata dalla realtà. Egli si affida al ricordo e lo trasforma in forme libere. Da un elemento reale, dunque, sorge una forma nuova. Klee ha dato valore espressivo al segno; sia nelle opere pittoriche che in quelle grafiche il tratto, il punto, la linea intrecciata sono utilizzati per riempire ampie superfici con fitte trame, sempre varie.

Il quadro fa riferimento al ricordo visivo di un viaggio che Klee fece in Egitto nel 1928. Il pittore non dipinge ciò che vede, ma ciò che ricorda, sulla base di pochi segni. Le strade lontane si perdono nell’orizzonte, mentre una strada al centro divide in due la composizione, quasi simmetricamente.
I colori sono simili all’acquerello, con l’alternarsi in diverse tonalità delle tinte di giallo e di azzurro.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email