Ominide 2487 punti

Pieter Claesz: Tavola imbandita

Uno dei temi preferiti delle nature morte era quello della tavola imbandita. Questi dipinti servivano a decorare le sale da pranzo dei mercanti e dei bottegai del Nord Europa. Riproducevano in modo estremamente realistico una grande quantità di cibo, come se augurassero benessere e lunga prosperità economica al proprietario.
Vero specialista del genere, il pittore di origine Tedesca Pieter Claesz (1598 ca- 1661) appartiene alla cosiddetta Scuola di Haarlem, che prende il nome della città olandese celebre per questo tipo di pittura.
Su un tavolo accostato al muro sono esposti in modo invitante del prosciutto sono esposti in modo invitante del prosciutto crudo, una forma di pane e un limone sbucciato.
Di fianco, disposti su un vassoio d'argento, scorgiamo alcuni bicchieri con del vino; altre preziose suppellettili arricchiscono la composizione.

Tutto è pronto, esibito, come se fosse a portata di mano. Chi è di fronte al quadro al quadro non ha che da afferrare quello che vuole. Le carestie per il momento sembrano lontane. In tutta la composizione regna un perfetto equilibrio. Ogni oggetto è esposto nella sua posizione ideale, indirizzando lo sguardo dello spettatore verso il cibo in primo piano.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email