Ominide 11270 punti
Questo appunto contiene un allegato
Valorizzazione dei movimenti di magazzino scaricato 0 volte

La valorizzazione dei movimenti di magazzino


Se la contabilità di magazzino a quantità e valori, occorre valorizzare i movimenti di magazzino e la scorta esistente. La valorizzazione dei carichi avviene al costo che può essere costo di acquisto o costo di produzione a seconda dell'origine esterna o interna dei beni.
La valorizzazione degli scarichi è invece più complessa, poiché non sempre è possibile individuare con certezza la corrispondenza tra le unità entrate in magazzino e quelle uscite. Quand'anche fosse materialmente possibile stabilire che, per esempio, il pezzo scaricato il 14/04 è quello entrato in magazzino il 21/03, oppure che le 5 unità in scorta al 31/12 sono state caricate il 17/07, ciò potrebbe essere economicamente non conveniente per l'impresa. In ogni caso gli scarichi si rilevano in base al criterio del costo si effettuano di solito con i seguenti metodi:
• metodo del costo effettivo, secondo il quale lo scarico del magazzino si effettua a un valore pari al costo effettivamente sostenuto. Si tratta di un metodo di valutazione oggettivo in quanto abbina a ogni scarico il relativo costo di acquisto o di produzione. È tuttavia il metodo meno usato, poiché impone la separazione dei diversi lotti al fine di consentirne la specifica individuazione; è adottabili in presenza di beni non intercambiabili e quindi individuati separatamente;
• metodo del costo medio ponderato;
• metodo LIFO;
• metodo FIFO.
Con il metodo del costo medio ponderato il valore di scarico del magazzino si ottiene calcolando la media aritmetica ponderata dei valori di carico, senza distinguere tra i diversi lotti ricevuti. Tale metodo consente di equilibrare eventuali differenze nei prezzi di acquisto, per esempio tra le quantità acquistate a inizio anno quelle di fine esercizio. Il costo medio ponderato può essere calcolato:
• per movimento: si determina ogni volta che si verificano movimenti in entrata; si ottiene sommando alle scorte prima dell'ultimo carico il valore di quest'ultimo carico e dividendo per la quantità in magazzino;
• per periodo: il valore delle scorte si determina dopo un periodo stabilito (mese, anno ecc.), attraverso la media aritmetica ponderata dei lotte acquistati nel periodo stesso.
Il metodo LIFO (Last In First Out) ipotizza che le materie o le merci entrate per ultime (last in) siano le prime a essere prelevate dal magazzino (first out).

Con questo metodo gli scarichi sono valorizzati utilizzando gli ultimi prezzi pagati come risulta dal seguente grafico. La scorta di magazzino viene valorizzata a costi storici, perché il metodo considera in rimanenza i pezzi entrati nei periodi più lontani. Occorre osservare che tale ipotesi di rotazione del magazzino si riferisce esclusivamente ai movimenti contabili dei beni rimanenza, non ai loro movimenti fisici.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove