Ominide 1961 punti

I risconti attivi e passivi

I risconti sono quote di costi o ricavi che sono proporzionali al tempo, che sono rilevati e calcolati in via anticipata anche se non sono ancora maturati ma sono da rinviare al futuro. Poiché è un valore possa essere considerato un risconto deve seguire tre criteri:
- i valori devono avere manifestazione finanziaria anticipata;
- i valori devono essere comuni a due o più esercizi;
- devono essere proporzionali al tempo.
I risconti possono essere considerati come valori rinviati, infatti:
- i risconti attivi sono in pratica costi già liquidati ma di competenza futura che sono quindi da rinviare al futuro
- i risconti passivi sono invece ricavi già liquidati ma di competenza futura che sono da rinviare al futuro

*Scritture contabili (D=dare) e (A=avere):
Registrazione di costi riguardanti i premi di assicurazione che saranno anche di competenza di un eserciziofuturo
(D) premi di assicurazione
(A) debiti v/ fornitori
Registrazione a fine esercizio di risconti attivi riguardanti premi di assicurazione già liquidati
(D) risconti attivi
(A) premi di assicurazione
Registrazione di ricavi riguardanti crediti relativi a locazione di locali pagati in via anticipata ma di competenza di esercizi futuri
(D) clienti diversi
(A) fitti attivi
Registrazione a fine esercizio di risconti passivi riguardanti fitti attivi già liquidati e riscossi in via anticipata
(D) fitti attivi
(A) risconti passivi
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email