Ominide 4294 punti

Registrazione stralcio e svalutazione crediti


L’impresa al 31/12 deve anche analizzare la solvibilità di crediti già scaduti o scadenti nel prossimo anno. Deve poi registrare, in base a stime, l’eventuale mancata riscossione dell’intero importo di un credito o di una parte di esso. L’eventuale parte che si prevede di non riscuotere deve essere registrata in contabilità e rappresenta per l’impresa un costo (svalutazione crediti) e contemporaneamente una rettifica “indiretta” dell’importo del reddito (fondo svalutazione crediti).

Questa operazione deve essere effettuata in base al principio generale stabilito dal codice civile, ovvero il principio della prudenza. Quindi essere prudenti significa considerare al 31/12 i costi presunti ma non i ricavi presunti.
Es. l’impresa stralcia un credito insoluto per 300€
VE- Perdita sui crediti 300
VF- Crediti insoluti 300
Stralciato credito insoluto
Es. l’impresa svaluta del 40% il credito sorto verso il cliente Rossi di 600€ (svalutazione specifica)
600x40%=240: svalutazione specifica del cliente
VE- Svalutazione crediti 240
VF- Fondo svalutazione crediti 240
Registrata svalutazione specifica
Es. svaluta i crediti residui di un rischio generico del 3% del loro valore (svalutazione generica)
VE- Svalutazione crediti 332
VF- Fondo svalutazione crediti 332
Registrata svalutazione generica
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email