Ominide 11268 punti

Il progresso tecnico


Possiamo ora analizzare l'effetto del progresso tecnico sulla crescita.
Il miglioramento tecnologico sposta anche la funzione del risparmio verso l'alto, da sAf (h) a sA' f (k): di conseguenza, lo stato stazionario si muove da S a S', determinando un incremento del capitale e del prodotto per addetto. A partire da tale posizione, un nuovo miglioramento tecnologico provoca una ripetizione del processo sopra descritto: in particolare, se il tasso al quale il progresso tecnico si evolve nel tempo è pari a g, il tasso g misurerà allo stesso tempo l'incremento annuo dei reddito pro capite della popolazione.


Possiamo allora concludere che:

• il progresso tecnico è il fenomeno alla radice del miglioramento degli standard di vita di una nazione nel corso del tempo; solo il progresso tecnico può generare una crescita continua del reddito pro capite;

• nel lungo periodo il reddito e il capitale per addetto crescono entrambi a un tasso
pari a quello del progresso tecnico (per questo si parla di crescita bilanciata);

• il prodotto e il capitale totale, invece, crescono a un tasso pari alla somma del progresso tecnico e dell'incremento della popolazione( somma pari al tasso di crescita "naturale" del sistema macroeconomico);

• la crescita di lungo periodo,in ogni caso, non dipende dalla propensione al risparmio;tuttavia, un valore maggiore di quest'ultima,e quindi un maggiore tasso di investimento, consentono di ottenere livelli più elevati del capitale e del prodotto per addetto.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove