Ominide 7040 punti

Bilancio dell’azienda agricola: l’attivo

l’attivo del bilancio è costituito dalla produzione lorda vendibile (Plv) e dagli altri ricavi.
La produzione lorda vendibile comprende i ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti aziendali. I prodotti sono classificati:
- prodotti colture erbacee (granella di mais, di frumento, di soia, barbabietole, patate, fieno, paglia, ecc.)
- prodotti degli allevamenti aziendali (latte, uova, lana, bovini vivi):
- prodotti derivanti dalle trasformazioni aziendali (vino, formaggio, olio, animali macellati, salumi ecc.).
tra i prodotti dell’allevamento si possono considerare gli animali venduti, oppure l’utile lordo di stalla (incremento di valore del bestiame in un anno).

L’utile lordo di stalla è dato dall’aumento di valore che il capitale bestiame fa registrare in un anno, a seguito dell’incremento di carne ottenuto nello stesso periodo. Si determina per differenza: fra il valore della consistenza finale e delle vendite da una parte, il valore della consistenza iniziale e degli acquisti dall’altra.
Utile lordo di stalla = (consistenza finale + vendite) – (consistenza iniziale + acquisti).
In sede preventiva giova conoscere: il numero medie di nascite che possomo verificarsi in un anno nella stalla (circa 8 ogni 10 mucche); come viene effettuata la rimonta, a quale età o peso vengono venduti i capi in sovrannumero; fino a quale età (6 – 10 anni) viene sfruttato il bestiame da reddito prima di esssere destinato al macello; il numero di mucche di scarto che devono essere allontanate ogni anno dalla stalla, ecc.
La paglia, il fieno e insilati non venduti, ma utilizzati per l’allevamento non rientrano nella Plv. L’uva non rientra nella Plv se viene trasformata in vino oppure il latte se viene trasformato in formaggio. Solo il vino, il formaggio viene conteggiato nella Plv.
Se c’è un agriturismo che per ristorazione utilizza i prodotti aziendali, questi non si conteggiano nella Plv, ma si conteggiano i ricavi dell’agriturismo.
I prodotti dell’azienda consumati dalla famiglia coltivatrice (auto consumo) o dati in natura ai dipendenti, invece si valutano nella Plv, in quanto anche se invenduti, sono commercializzabili.
La Plv viene determinata moltiplicando la quantità dei diversi prodotti vendibili per il relativo prezzo.
Nel bilancio economico, il prezzo è quello all’ingrosso o al dettaglio, in funzione del tipo di vendita dell’azienda. Nell’attivo, oltre alla Plv, vengono conteggiati altri ricavi:
- premi (sovvenzione, sussidi) previsti dalla Pac (politica agraria comunitaria);
- prestazione di lavoro o i noleggi occasionali, eseguite con macchine dell’azienda presso altre aziende.
- attività agrituristiche (locazione camere, ristorazione, agricampeggio);
- l’affitto per uso dell’abitazione alla famiglia coltivatrice e ai salariati presenti in azienda.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email