Sapiens Sapiens 13859 punti

L’assegno

L’assegno è un mezzo di pagamento, equiparata ad un pagamento in contanti. Si tratta di un documento scritto con il quale il titolare di un conto dà alla sua banca l’ordine di pagare a vista, cioè su presentazione dell’assegno stesso, ad una pertsona indicata, una certa somma di denaro. Il titolare del conto che redige l’assegnio prende il nome di traente. La persona destinataria dell’assegno e che incasserà la somma indicata dal traente, si chiama beneficiario. La banca che riceve ed esegue l’ordiner di pagamento prende il nome di trattario.
Gli elementi obbligatori di un assegno sono: la somma da pagare, riportata in cifre ed in lettere (in caso di divergenza, fa fede la somma scritta in lettere), il luogo di emissione, la data di emissione, l’identità del trattario (indicazioni prestampate), l’indicazione del numero del conto corrente del titolare o traente (indicazioni prestampate), il nome del beneficiario e la firma del traente. Il beneficiario può essere una persona a cui il traente fa un pagamento o il traente stesso, nel in cui quest’ultimo intenda ritirare una somma di denaro allo sportello della sua banca (quest’ultima possibilità tende a scomparire). Esistono diversi tipi di assegno: l’assegno sbarrato (ormai per legge utilizzato sempre), l’assegno da viaggio o traveller’s chèque (molto utilizzato se si visita un paese non appartenente all’ EU). I travaller’s chèques sono firmati dal cliente al momento dell’acquisto in banca e firmati una seconda volta nel momento in cui essi vengono utilizzati. La concordanza delle due firma rendere autentico l’utilizzatore. Essi possono essere anche cambiati contro denaro liquido c/o una banca e sono emessi in euro o in altra moneta locale. Attualmente tutti gli assegni sono sbarrati per aumentare la sicurezza e diminuire i rischi di frode.
L’assegno in bianco si ha quando esso manca dell’indicazione della somma da incassare. L’assegno a vuoto, invece, si ha quando c/o lsa corrispondente banca non esiste la copertura necessaria ed il deposito è quindi inferiore alla somma indicata sull’assegno.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email