Ominide 313 punti
L'assegno bancario è un titolo di credito a vista mediante il quale un soggetto chiamato traente,che ha denaro in banca disponibile,ordina alla banca stessa (trattario) di pagare una certa somma di denaro a favore proprio o di un'altra persona chiamata beneficiario.Quindi i tre soggetti sono:
-il traente,colui che emette l'assegno e orina alla banca di effettuare il pagamento;
-il trattario o trassato ,che è rappresentato dalla banca che deve effettuare il pagamento;
-il beneficiario,che è il soggetto a favore del quale l'assegno è stato rilasciato.

Il beneficiario a volte può anche coincidere con il traente quando,ad esempio,l'emissione dell'assegno serve al traente per effettuare dei prelevamenti dal proprio conto corrente.
I requisiti per emettere un'assegno infatti sono che l'azienda deve avere un conto corrente aperto con un contratto scritto che impegna la banca a eseguire le operazioni ordinate dal cliente.Il rapporto di conto corrente è completato dall'autorizzazione dalla banca ad emettere assegni detta "convenzione di assegno".Essa si perfeziona con il rilascio di un libretto di assegni(carnet) che il cliente può compilare solo nei limiti delle somme a disposizione sul c/c di sua proprietà oppure ottenute in prestito dalla banca,questi fondi vengono detti "provvista".Quindi i presupposti per emettere un'assegno sono :
-l'apertura di un conto corrente;
-la convenzione di assegno;
l'esistenza di provvista.
La legge stabilisce inoltre che ogni assegno bancario deve contenere :
-la denominazione di assegno bancario espressa nella lingua in cui esso è redatto;
-l'ordine incondizionato di pagare una somma di denaro determinata;
-il nome della banca che è designata a pagare;
-l'indicazione del luogo di pagamento ;
-l'indicazione della data e del luogo dove l'assegno è emesso ;
-la firma di colui che emette l'assegno bancario.
Il pagamento di un'assegno bancario viene effettuato dalla dipendenza (sede o filiale) della banca trattaria presso la quale il traente dispone del conto corrente.
L'assegno deve essere presentato per l'incasso entro otto giorni se pagabile sulla piazza di emissione,o entro quindici giorni ,se pagabile fuori piazza.decorsi tali termini,per gli assegni non pagati non è più consentito redigere l'atto di pretesto e il traente non può più ordinare alla banca di non pagare.
L'assegno circolare è un titolo di credito a vista mediante il quale una banca (emittente) promette di pagare una certa somma di denaro a favore di un soggetto indicato(beneficiario).Nell'assegno circolare vi sono due soggetti:
-l'emittente,che è la banca che si impegna a effettuare il pagamento a vista;
-il beneficiario ,che p il soggetto a cui verrà consegnato o inviato l'assegno e che lo presenterà in banca per la riscossione o lo trasferirà ad altri.
L'emissione di assegni bancari ha tre presupposti:
-la qualifica di "banca" dell'emittente;
-il possesso da parte di tale banca,dell'autorizzazione della Banca d'Italia a emettere assegni circolari;
-il deposito preventivo dell'importo dell'assegno.
Ogni assegno circolare deve contenere:
-la denominazione di assegno circolare;
-la promessa incondizionata di pagare a vista una somma determinata;
-l'indicazione del beneficiario;
-l'indicazione e la data del luogo nel quale l'assegno circolare è emesso;
-la firma della banca emittente.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email