L'età Classica

(V e IV a.C.) vede le espressioni dell’ordine dorico e ionico negli edifici che coronano l’Acropoli di Atene, ossia il Partenone, i Propilei e l’Eretteo, voluti da Pericle, capo politico e militare della città.
I templi principali:
Verso l’800 a.C. nascono i templi in mattoni essiccati al sole, con l’aggiunta di elementi lignei di sostegno, i primi di essi probabilmente con copertura in paglia e quindi tetti a falde, con due colonne frontali. Le colonne poi vengono estese al perimetro, configurando un colonnato esterno (pteron), formando il tempio periptero, o pseudoperiptero quando le colonne sono incassate nella muratura. Il tetto in paglia evolve in tegole di terracotta, a Corinto nel VII a.C. e il peso portò alla realizzazione di colonne in pietra e non in legno. Uno dei primi grandi edifici con copertura a tegole fu il tempio di Apollo a Thermos, del 630 a.C. con 15 colonne lignee su ciascun lato e 5 sui lati corti, e pareti in mattoni crudi. Il più antico colonnato che ci perviene è quello del tempio di Apollo a Corinto, 540 a.C. dalle colonne (7) alte 6.30m in calcare, rivestito di stucco bianco, che manifestano un carattere poderoso e primordiale. Un tempio dorico importante è il tempio di Aphaia a Egina, 510-490 a.C. per l’antica dea della terra, protettrice dei naviganti e dei cacciatori. C’è un frontone scolpito con scene della guerra di Troia e gli elementi ornamentali erano riccamente dipinti in colori brillanti.
Acropoli: Il Partenone è una ricostruzione del tempio consacrato ad Atena, adibito ad accogliere la nuova statua della dea protettrice della città, commissionata a Fidia. Sappiamo che la spesa maggiore fu il trasporto della pietra dal Monte Pentelico, circa 16 chilometri da Atene, fino all'Acropoli. Lo stilobate, piattaforma sulla quale si reggono le colonne, curva in su leggermente per ragioni ottiche. L'effetto di queste leggere curve è quello di far apparire il tempio più simmetrico di quanto realmente sia, come l’entasi. il Partenone è ottastilo, ha cioè 8 colonne sul lato corto e 17 su quello lungo, ma ciò che più lo distingue dagli altri templi è l’abbondanza della decorazione scultorea, che raffigura sulle metope le battaglie tra gli dei e i giganti, le Amazzoni e gli Ateniesi, i centauri e i Lapiti; sul fregio la processione panatenaica e sui frontoni la nascita di Atena e la sua contesa con Poseidone per il territorio dell’Attica. I Propilei furono la seconda opera commissionata da Pericle, come il Partenone erano di marmo e allo scoppio della guerra del Peloponneso fu lasciato incompleto. All'esterno la struttura si presenta inequivocabilmente di stile dorico mentre all'interno vi sono colonne ed elementi di stile ionico. L’Eretteo era destinato a contenere più santuari separai, oltre che una fossa dei serpenti. È interamente in marmo e costruito su due livelli.

Hai bisogno di aiuto in Architettura, Disegno e grafica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email