Lineamenti dell’architettura dal mondo classico al medioevo

• I fondamenti classici: i caratteri dell’architettura greca; l’architettura romana: fori, basiliche e templi.
L’architettura moderna si sviluppa attraverso tre fasi: Greca, Romana, Etrusca. Gli edifici simbolo dell’architettura occidentale sorgono in Mesopotamia e in Egitto. Nella penisola ellenica verso il 1330 a.C. la prosperità iniziò a declinare, perché abbiamo gli invasori del Nord (Dori), che distrussero i palazzi, saccheggiarono tesori, e i 4 secoli successivi furono un periodo oscuro, fu verso l’800 a.C. che si ha l’inizio della cultura ellenica e verso il 179 a.C. riuscirono a sopprimere i rivali, Persiani e Fenici, per creare un nuovo ordinamento ellenico, che non aveva un sistema unitario di governo, ma era composto di tante piccole città stato, spesso in lotta tra loro. Nel periodo oscuro, verso il 1100 a.C. i popoli ellenici migrano verso l’Asia Minore, che diviene il centro dell’architettura ionica. Queste dinamiche vengono poi sintetizzate dagli ordini: l’ordine è un canone secondo il quale gli elementi sono armonizzati mutuamente, attraverso la ripetizione di un modulo, che diventa unità di misura. L’ordine dunque è un canone e ce ne sono tre greci, a cui successivamente se ne aggiungono due romani:

o Dorico (Peloponneso, dal VII a.C.), quello più antico, con fusto rastremato e scanalato, con le scanalature che si incontrano a spigolo vivo, senza base, infatti il fusto della colonna poggia direttamente sulla parte di pavimento chiamata stilobate (l’ultimo dei 3 gradini), con fusto caratterizzato dall’entasi (un leggero rigonfiamento della colonna  1/3 dell’altezza del fusto partendo da terra.), capitello composto da abaco e echino, fregio suddiviso in metope e triglifi.
o Ionico (Asia Minore, dal VI a.C.), più snello di quello Dorico, base presente e fusto scanalato con scanalature che non si incontrano a spigolo vivo ma sono separate da listelli, capitello con volute e fregio continuo.
o Corinzio (Fine V a.C.) non è un vero è proprio ordine, è uguale all’ordine Ionico ma il capitello è una variazione di quello ionico con volute più foglie d’acanto.
Essenzialmente lo sviluppo storico dell’arte greca si articola in tre fasi:
o Arcaica (VII e VI a.C.), che vede la codificazione degli ordini classici;
o Classica (V e IV a.C.), che vede le espressioni dell’ordine dorico e ionico negli edifici che coronano l’Acropoli di Atene, ossia il Partenone, i Propilei e l’Eretteo, voluti da Pericle, capo politico e militare della città. Il Partenone è una ricostruzione del tempio consacrato ad Atena, adibito ad accogliere la nuova statua della dea protettrice della città, commissionata a Fidia.
o Ellenistica (Raggiunge la metà del I a.C.).

Hai bisogno di aiuto in Architettura, Disegno e grafica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email