Comunicazione nella grafica pubblicitaria


Perché comunichiamo?


-comunicazione involontaria (tic,imbarazzi,ecc)
-comunicazione intenzionale (orale, scritta, gestuale, ecc)
Per comunicare bisogna essere almeno in due, inviare un messaggio comprensibile e ricevere una risposta (senza risposta non c'è comunicazione).
comunicare= rendere comune
Gli elementi che sono necessari per la comunicazione sono:
-emittente:chi invia il messaggio
-ricevente:chi riceve il messaggio
-messaggio:oggetto fisico della comunicazione (la cosa da vedere, ascoltare, sentire)
-mezzo: elemento fisico utile alla trasmissione del messaggio (telefono, computer, ecc)
-canale:attraverso cosa scorre la comunicazione (la linea telefonica, l'aria, ecc)
-contesto: l'ambiente, la situazione in cui avviene la comunicazione
-rumore: il contorno di elementi che può disturbare la comunicazione
-linguaggio:il "codice" comune ad emittente e ricevente.

La comunicazione persuasiva nella comunicazione pubblicitaria ha come obiettivo la persuasione, la propaganda vuole convincere a qualcosa di più che all'acquisto (es. propaganda politica), la capacità persuasiva riguarda l'emittente che deve raggiungere non solo la componente razionale ma anche la sensibilità emozionale del ricevente (coinvolgere ed emozionare).
Il disegno grafico, oggi è espressione d' arte, passaggio dalle tele al pc; il graphic design si afferma verso il xx secolo, quando si inizia a parlare di reclami e l'industria ha bisogno di promuovere le vendite, passando così dal' era "gutenberghiana", quindi giornali e riviste, a quella "informatica", dunque computer ed internet. In passato abbiamo avuto artisti che si riciclano pubblicitari, che inventano come indurre all'acquisto, oggi invece abbiamo pubblicitari che si trasformano in artisti e usano la loro capacità di persuasione con finalità etiche (esempio. Benetton contro il razzismo, la droga e la guerra). Il graphic Design deve risolvere dei problemi i quali sono: il rapporto tra la comunicazione verbale e quella visiva; tra forma e significato; prevalere della forma sul contenuto o viceversa; relazione tra creatività, progetto e tecnologie; il ruolo del creativo ovvero le responsabilità del grafico rispetto ai contenuti del messaggio.

La comunicazione visiva insegna a vedere per raccontare con le immagini, forme segni e simboli; ogni linguaggio ha i sui codice i suoi segni, ma i principi della comunicazione sono comuni.
-Ideogrammi cinesi: sono prima immagine e solo dopo parola
-Parola: è il significante sonoro di un concetto
-Ideogramma: è il significante grafico, qui si passa dal segno al concetto.
L'uomo ha evoluto la propria comunicazione attraverso un linguaggio ricco di segni e simboli. Il simbolo è una forma che allude ad un'altra che gli è in qualche modo affine. le prime forme di scrittura erano appunto simboliche come i pittogrammi: immagini con pochi elementi convenzionali per esprimere un racconto; gli ideogrammi: simboli richiamanti un idea. I segni hanno un significato stabilito per convenzione. Il grafico pubblicitario, quindi, traduce i segni verbali di una frase in segni grafici.

Hai bisogno di aiuto in Architettura, Disegno e grafica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email