Ominide 13147 punti

E' importante stabilire il principio dell'uguaglianza formale. Ma è sufficiente? Basta affermare che " un uomo bianco è uguale a un uomo nero", per rendere uguali i bianchi e i neri? Sicuramente no: occorre che i bianchi e i neri siano "davvero" uguali: all'uguaglianza formale deve affiancarsi l'uguaglianza sostanziale, che si ha quando tutti esercitano gli stessi diritti. La Costituzione afferma anche il principio dell'uguaglianza sostanziale. La Repubblica deve «rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese" (art. 3 Cost. it). Pur esistendo un'uguaglianza formale, le persone possono trovarsi in situazioni tali da renderle di fatto "diverse" (analfabetismo, povertà, handicap).

Per esempio, tutti hanno il diritto di conseguire la laurea (uguaglianza formale), ma se un ragazzo si trova in una famiglia povera non può proseguire gli studi; lo Stato deve deve intervenire (con una borsa di studio) per rimuovere questo ostacolo, in modo da rendere sostanziale l'uguaglianza fra i cittadini. E' molto importante affermare il principio dell'uguaglianza sostanziale, purtroppo, a volte, uno Stato non riesce a realizzarla, perchè non possiede le necessarie risorse economiche: senza uguaglianza sostanziale, la sovranità popolare viene di fatto limitata a una parte dei cittadini.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017