Ominide 17069 punti

Principio giuridico di legalità


Il primato della legge rispetto alle altre fonti normative è alla base dei connessi principi di legalità, di riserva di legge e di preferenza di legge.
In base al principio di legalità, è nella legge (o in altra fonte abilitata dalla Costituzione) che devono trovare fondamento tutti i diversi atti dei pubblici poteri, siano essi atti normativi secondari, provvedimenti amministrativi o provvedimenti giurisdizionali.
Principio fondamentale dello stato di diritto, pur non menzionato specificamente in Costituzione, può comunque essere desunto dalle norme costituzionali che subordinano l’attività amministrativa (art. 97 Cost.) e quella giurisdizionale (art. 101 Cost.) al dettato della legge. Il principio di legalità, infatti, trova la sua ragion d’essere nella necessità di sottoporre a regole generali e astratte attività potenzialmente invasive della libertà (e della proprietà) del cittadino. In tal senso, dunque, svolge un ruolo di chiusura del sistema, idoneo a completare la complessa trama dei rapporti fra fonti legislative e fonti regolamentari da un lato e fra attività normative e attività amministrative e giurisdizionali dall’altro. Esso riguarda altresì la posizione del cittadino rispetto al potere pubblico: principio di legalità vuol dire che è consentito fare tutto ciò che la legge (e gli atti conformi alla legge) non vietino espressamente.

Oggetto di discussione è il quantum di disciplina legislativa necessario a soddisfare il principio di legalità. Secondo alcuni, sarebbe sufficiente una semplice autorizzazione legislativa con contestuale rinvio al potere subordinato (legalità in senso formale); a parere di altri, invece, la legge dovrebbe sempre offrire una sia pur minima disciplina (legalità in senso sostanziale). Vi è anche una tesi intermedia, secondo la quale si potrebbe ricorrere all’una o all’altra a seconda delle materie trattate.
La giurisprudenza della Corte costituzionale ha richiamato più volte il legislatore al
rispetto del principio di legalità in senso sostanziale, affermando che esso non consente l’«assoluta indeterminatezza» del potere demandato a un’autorità amministrativa.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email