L'impresa e l'azienda


Il lavoro può essere dipendente o autonomo.
Il lavoratore dipendente (articolo 20944 del c.c.) è inserito nell'organizzazione e sottomesso alle direttive de datore di lavoro secondo diligenza. Egli riceve una retribuzione la cui base è fissa in modo da garantire la sua esistenza libera e dignitosa anche per la sua famiglia.
Il lavoratore autonomo (articolo 2222 del c.c.) si impegna a compiere un'opera a regola d'arte a favore del committente con suo rischio e compenso al risultato (esempio: commercialista).

Secondo l'articolo 2082 del c.c. L'imprenditore svolge un'attività:
professionale: in modo sistematico, non importa se part-time o stagionato.
economia: tendenzialmente rivolta a coprire costi e ricavi.
organizzata: L'imprenditore organizza i beni di produzione per un profitto
produzione e scambio: trasferimento nel tempo e nello spazio di beni.


Secondo l'articolo 2083 è un piccolo imprenditore chi svolge l'attività prevalentemente (prevalenza rispetto al lavoro altrui e del capitale,prevalenza qualitativa) con lavoro proprio e dei propri familiari.

Egli non è soggetto allo statuto imprenditore commerciale.

Secondo l'articolo 2135 è un imprenditore agricolo colui che esercita un'attività di fondo o di un bosco, di allevamento di animali oppure attività connessa all'agricoltura (prevalenza)
E' necessario che avveng un trasferimento biologcio: lo sviluppo del prodotto grazie allo sfruttamene del fattore terra.
Non è soggetto allo statuto imprenditoriale commerciale per il rischio biologico e ambientale.
Inoltre l'imprenditore agricolo non può fallire.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email