danyper di danyper
Sapiens 9920 punti

Fonti dottrinarie e giurisprudenziali di common law


L’espressione «common law» indica un sistema giuridico prevalentemente fondato sullo sviluppo giurisprudenziale e, pertanto, contrapposto a quelli fondati sul diritto scritto (definiti «sistemi di civil law»).
Fin dal XII secolo, in Inghilterra le corti reali formarono un sistema giudiziario centralizzato che sviluppò un insieme di regole giuridiche applicabili sia ai rapporti di diritto privato che pubblico.
L’attività dei giudici era basata sull’interpretazione delle consuetudini vigenti. Alle regole di Common law applicate dalle corti si aggiunsero norme integrative, destinate a disciplinare nuovi istituti. Esse erano contenute in decisioni reali emesse secondo coscienza formarono l’equity Ad essa si affiancò il diritto scritto sviluppato in testi legislativi del parlamento (statutes), considerato integrativo rispetto al diritto giurisprudenziale.
Al giorno d’oggi, nell’ordinamento inglese, non tutti i precedenti hanno valore vincolante per il giudice chiamato a decidere su casi analoghi, ma unicamente quelli imputabili ai giudici che occupano una posizione di vertice dell’organizzazione giudiziaria, nell’ordine la supreme court, la court of appeal e la high court. I precedenti di giudici diversi hanno un valore meramente persuasivo e pertanto possono essere disattesi. Complessivamente le fonti dell’ordinamento inglese sono common low, equity e statute law. Un’ulteriore fonte del diritto è costituita dai non legal-rules, un insieme di norme non scritte la cui violazione non è imputabile davanti ai giudici.
La caratteristica preminente dell’ordinamento inglese è l’assenza di una costituzione scritta: per questo motivo i principi dell’ordinamento costituzionale vanno rintracciati sia nel common law che negli statutes parlamentari, i quali nel loro complesso costituiscono le cosiddette «laws of the Constitution». Accanto a questi due elementi esistono le «conventions of the Constitution», un insieme di norme non scritte che danno vita alle legal rules sopraccitate.
Uno dei più importanti principi costituzionali dell’Inghilterra è quello della supremacy of Parliament, secondo cui la legge parlamentare può modificare qualsiasi normazione preesistente.
La maggior parte degli ordinamenti del Commonwealth ha accettato il common law e, di conseguenza, i principi dell’ordinamento inglese; il Quebec e il Mauritius costituiscono però un’eccezione: essi, infatti, hanno adottato i principi degli ordinamenti romano-germanici.
Nell’ambito del commonwealth è particolarmente significativo il rapporto tra Inghilterra, Canada, Australia e Nuova Zelanda: la giurisprudenza prodotta dai giudici di questi ordinamenti ammette la possibilità di un’interazione fra questi ordinamenti.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email