enrik8 di enrik8
Ominide 359 punti

È fatto illecito qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto.(art 2043)
Il fatto illecito è una delle fonti delle obbligazioni. Si chiama anche illecito extra contrattuale o illecito acquliano. È una fattispecie completamente distinta dal contratto.

Art 2043 – risarcimento per fatto illecito: Qualunque fatto, doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga chi lo ha commesso a risarcire questo danno. Da un fatto illecito deriva un'obbligazione risarcitoria, che ha una dimensione pecuniaria.

Il fatto illecito presenta :
1. elementi oggettivi:
il fatto: è un comportamento umano, commissivo (fatto commissivo - quando è un'azione che il soggetto compie, di fare) od omissivo (di non fare; quando è una omissione; perché ci sia un'omissione ci deve essere un obbligo giuridico). qualunque fatto → è molto generale, ma in mancanza di specificazioni si applica tale e quale.

il danno ingiusto: contra IUS, il diritto, un danno che il diritto non permette avvenga, un danno che lede una situazione giuridica protetta.

causalità adeguata - un legame tra il fatto e il danno che sia consequenzialmente logico (di causa-effetto, per cui possa dirsi che il primo ha cagionato il secondo) e dove non ci siano interruzioni del legame causale, del ordine del fatto, quando il fatto è causa principale del danno, e non una delle concause. Però perché ci sia rapporto di causalità occorre che l'evento dannoso appaia come conseguenza prevedibile ed evitabile del fatto commesso.

2. elementi soggettivi :
il dolo – l'intenzione di provocare l'evento dannoso (coscienza e volontà dell'azione)
la colpa – la mancanza di diligenza, di prudenza, di perizia: l'evento dannoso non è voluto, ma è provocato per negligenza.
Il fatto deve essere doloso o colposo: il dolo contrattuale (sono stato ingannato) NON C'ENTRA con il fatto illecito!! il dolo del fatto illecito è coscienza e volontà dell'azione. Colposo → è involontario, ma è colposo perché ho cagionato quei danni violando norme di prudenza. La norma può essere scritta oppure no.

Il risarcimento del danno: il danno risarcibile è di regola solo il danno patrimoniale, comprendente il danno emergente e il lucro cessante. I danni non patrimoniali (danni morali) sono risarcibili solo nei casi espressamente previsti dalla legge.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email