Ominide 6535 punti

Esercizio e limiti della libertà di riunione


Nell’ambito della libertà di riunione, la Costituzione pone in essere una distinzione tra:
- riunione in luogo pubblico, la quale non richiede la previ autorizzazione alle autorità (si pensi, ad esempio, a un gruppo di amici che decide di organizzarsi per soddisfare l’interesse comune di guardare un film al cinema);
- riunione in luogo privato, dunque un qualunque luogo in cui un singolo cittadino ha il diritto di rinchiudersi per separarsi dal mondo esterno per svolgere la propria personalità, la quale non prevede in alcun caso alcun preavviso alle autorità;
- riunione in luogo aperto al pubblico, per la quale è sempre richiesta una previa autorizzazione. A tal proposito è fondamentale distinguere il concetto di luogo pubblico da quello di luogo aperto al pubblico. I luoghi aperti al pubblico sono luoghi nei quali, potenzialmente, tutti hanno accesso sulla base di un titolo di legittimazione (si pensi a uno stadio o a un cinema, il cui accesso è consentito solo sulla base di un «titolo di legittimazione», rappresentato in questo caso dal biglietto), rispettando le regole e le modalità di fruizione di chi gestisce il suddetto luogo aperto al pubblico;
- Al contrario, con l’espressione «luogo pubblico» si indica un qualsivoglia luogo in cui tutti possono entrare senza alcun titolo di legittimazione (si pensi, ad esempio, a una piazza o ad una strada, il cui libero accesso è consentito a chiunque senza la necessità di esibire nessun titolo di legittimazione).
Il suddetto «libero accesso» richiede dunque un controllo. Per questo motivo, la Costituzione, al fine di evitare disordini pubblici, prevede che la libertà di riunione in luogo pubblico possa essere esercitata solo in presenza di un preavviso (presentato con almeno tre giorni di anticipo) alle autorità, che possono vietarla soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica. La riunione svolta senza un precedente preavviso non è considerata illegittima, tuttavia i promotori saranno tenuti a rispondere alle autorità.
L’articolo 17, infine, pone dei limiti alla libertà di riunione in qualsivoglia luogo. Tali limiti riguardano le concrete modalità di attuazione della libertà di riunione, la quale può svolgersi solo pacificamente e senz’armi.
In tal caso il concetto di «arma» allude a qualsiasi strumento che possa determinare disordine pubblico.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email