Ominide 16556 punti

Categoria degli operai e classificazione professionale dei CCNL


La definizione di operaio non è contenuta nella legge, bensì nei contratti collettivi nazionali di lavoro, che ancora conservano la distinzione tra la figura dell’impiegato e dell’operaio. Quest’ultimo si caratterizza per la natura prevalentemente manuale della prestazione di lavoro.

I CCNL propongono un sistema di inquadramento diverso da quello previsto dall’articolo 2095 del Codice civile. A seconda dei ruoli professionali svolti, essi classificano i lavoratori in un numero variabile di livelli (tra sette e otto), denominati parametri, categorie o aree professionali.
I requisiti di differenziazione delle categorie sono molteplici: tra questi i più importanti sono il grado di autonomia e discrezionalità esercitati nell’attività svolta, la difficoltà tecnica e gestionale per eseguirla, la titolarità di poteri di direzione e l’eventuale coordinamento di altri lavoratori.

La classificazione professionale contenuta nei contratti collettivi rappresenta una limitazione alla libertà gestionale del datore di lavoro. Dalla classificazione, infatti, scaturiscono due prerogative:
- il lavoratore può esigere le mansioni relative al livello di inquadramento in cui è stato collocato. Il datore, pertanto, non può assegnare al lavoratore mansioni che appartengono a un livello inferiore rispetto a quello in cui quest’ultimo è stato inserito;
- viceversa, a determinate mansioni deve corrispondere uno specifico livello di inquadramento.
Negli anni recenti, gli studiosi si sono chiesti se il datore di lavoro abbia o meno la possibilità di modificare le mansioni assegnate a ogni lavoratore anche in senso peggiorativo, servendosi del potere direttivo. In funzione del cosiddetto «ius variandi», il datore di lavoro ha la prerogativa di variare, senza addurre motivazioni o giustificazioni, le mansioni assegnate al lavoratore.
Il mutamento delle mansioni non richiede, quindi, una formale variazione contrattuale, perché non presuppone l’acquisizione del consenso del lavoratore.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email