Sapiens Sapiens 13858 punti

Le pene ed i castighi nell’oltretomba di Dante


La collocazione delle anime nell’oltretomba rispetto a Dio è direttamente proporzionale alla gravità della colpa commessa: più il peccato è grave, più è grande la distanza dell’anima da Dio. Questo vale per l’Inferno, per il Purgatorio e per il Paradiso.
Nell’Inferno, Dante discende verso il centro della terra dove si trova Lucifero (l’angelo ribelle scacciato dai cieli e precipitato nel luogo più distante dal suo Creatore) passando dal Limbo, dove si trovano le anime non battezzate che tuttavia desiderano vedere Dio, per arrivare a coloro che hanno tradito i benefattori dell’umanità, ritenuta la colpa più grave in assoluto. La salita dalla spiaggia del Purgatorio fino al Paradiso Terrestre avviene dal peccato più grave a quello più leggero ed anche il Paradiso passa dal grado di beatitudine più basso verso quello più completo.
Per costruire il suo giudizio sulle colpe e sui meriti delle anime, Dante si rifà a San Tommaso e alla teoria morale descritta nell’ Etica di Aristotele, pur aggiungendo alcuni elementi nuovi che non sono presenti in queste due fonti, come nel caso degli eretici, del Limbo o degli ignavi. Numerose fonti medievali ispirano Dante nell’elaborazione dell’architettura del paradiso: S. Agostino, Gregorio Magno).
Il tipo di pena è proporzionata alla colpa e regolata dalla regola del contrappasso: Dio stabilisce una relazione tra pena e colpa, seguendo il criterio dell’ analogia o dell’opposizione.
Nel canto V dell’ Inferno, i lussuriosi sono trasportati e travolti da una bufera come nella vita furono travolti dalla passione dei sensi. Questa è un esempio di analogia
Nel canto III dell’ Inferno gli ignavi sono costretti a correre dietro un vessillo in continuo movimento, mentre in vita furono pigri e non presero mai decisioni o rinunciarono ad assumersi le responsabilità. In questo caso la pena è inflitta per opposizione.
Esistono anche casi in cui Dante sviluppa la propria fantasia; alcuni dannati a volte sono immersi nella pece bollente, nello sterco e questo elemento puzzolente e nauseabondo è il simbolo di una condizione terrena di ambiguità e di mancanza di chiarezza.
Hai bisogno di aiuto in Inferno?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email