Ominide 488 punti

L'inizio del viaggio di Dante negli inferi


Dante ci dice che quando aveva circa 35 anni ( nel mezzo della vita) si smarrì di notte in un bosco buio e spaventoso, avendo perso la strada giusta. Il bosco rappresenta il male e il peccato, mentre la strada giusta è il bene e le regole della morale. Questo bosco era angosciante e Dante non sa dire bene come ci finì in mezzo ( poiché la ragione era offuscata dal peccato). Ad un tratto però vide una gran luce che gli colpì gli occhi e si accorse di essersi lasciato il bosco alle spalle e che il sole abbagliante stava illuminando una collina che si trovava davanti a lui. Grato di non essere morto e di essersi lasciato la foresta alle spalle Dante iniziò a risalire il colle, ma incontrò una pantera ( simbolo di lussuria e frode) che gli sbarrava il cammino e riuscì a sfuggirle solo perché rimase fermo immobile mentre la bestia passava oltre. Ripreso il cammino però gli si parò davanti un leone ( simbolo di violenza e superbia ) con la testa alta e la criniera come fil di ferro. Il leone gli balzò contro ma lo mancò per un soffio e fuggì. Appena oltrepassato il leone ecco comparire una lupa nera e magra, con gli occhi rossi e i denti digrignati sulla lingua guizzante come fiamma. Dante non aveva più forze e piangendo scivolò giù dal colle. Ecco però che apparve una figura umana trasparente a cui chiedere aiuto, come un fantasma. La figura si presentò a Dante: era il poeta Virgilio che aveva scritto l’Eneide quando ancora regnava Augusto, e di Cui Dante aveva studiato le opere. Virgilio spiegò che era stato mandato per aiutare Dante in un viaggio attraverso i regni della morte: Inferno, Purgatorio, Paradiso. Lui sarebbe stato la sua guida all’Inferno, mentre in Purgatorio e in paradiso lo avrebbe accompagnato un’altra persona di cui non rivela il nome.
Dante cercò di protestare e di capire il perché proprio a lui toccasse questo ma Virgilio lo rassicurò dicendo che Beatrice ( che era stata la donna amata in vita da Dante e nel poema rappresenta simbolicamente la scienza di Dio) era giunta a lui nel Limbo ( luogo dove si trovava Virgilio non avendo conosciuto la fede cristiana) per dirgli di aiutare Dante su richiesta della Madonna stessa. Per cui egli non aveva nulla da temere. A questo punto i due furono pronti a partire e si incamminarono insieme.
Hai bisogno di aiuto in Inferno?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Inferno - Incontro di Dante con Cerbero