Ominide 1864 punti

La Divina Commedia – Scema d’analisi Canto 3


Riassunto
Dante e Virgilio entrano nell’Antinferno. Incontrano gli Ignavi, ossia coloro che non hanno avuto nessuna vocazione durante la propria esistenza. Essi sono costretti a rincorrere eternamente una bandiera sulla quale non c’è scritto nulla, punti in continuazione da insetti. Dante e Virgilio incontrano Caronte, il traghettatore delle anime, che non vuole che Dante salga sull’imbarcazione. Difeso da Virgilio, ma scosso per i fatti, Dante sviene.
Funzione
Introduzione all’ambiente dell’Inferno: il lettore viene a contatto con l’atmosfera di disperazione che sarà presente durante tutto il viaggio in questo luogo cupo.
Luogo
Antinferno, campagna desolata e buia, poiché priva dell’alternarsi del giorno e della notte, in cui scorre il fiume Acheronte, che le anime devono attraversare per giungere all’Inferno.
Personaggi in azione
- Dante (appare ancora timoroso e schivo) narratore e in azione
- Virgilio (prende ancora le difese di Dante)
- Caronte: un uomo anziano, dai peli e i capelli bianchi, con aspetto cupo e severo e analogo linguaggio. Ha gli occhi rossi e le guance pelose ed è il traghettatore delle anime, ossia colui che è incaricato di far loro attraversare il fiume Acheronte sulla sua barca. Si oppone inizialmente all’avvicinamento di Dante, anima viva.
Personaggi citati
- Anime presenti nell’Antinferno
- Dio
- Adamo
- “Colui che fece per viltade il gran rifiuto”, forse interpretato come Celestino V, papa che abbandonò la carica favorendo l’elezione di Bonifacio VIII (Pietro Caetani) che deluse profondamente Dante.

Luoghi e episodi storici e/o mitologici citati
Non sono presenti né luoghi, né episodi storici o mitologici citati.
Tempo
Sera del venerdì santo (probabilmente 8 aprile 1300).
Argomenti
- Tema della paura
- Tema della guida
- Tema dell’anima
- Tema della salvezza
- Tema dell’ambiente infernale
- Tema della giustizia (legge del contrappasso)
- Tema della pena
- Tema della vita “attiva” e dedicata
- Tema della vita in generale
- Tema della morte
Simboli e allegorie
- Ignavi: rappresentano l’opposizione di Dante nei confronti della vita senza vocazioni e l’applicazione della legge del contrappasso per antitesi (poiché seguono un’insegna, cosa che nella vita terrena non hanno fatto e sono punti da insetti, ossia sono stimolati, differentemente per quanto è avvenuto prima della loro morte) e per somiglianza (poiché sull’insegna non c’è scritto nulla, come la loro vita non ha avuto significato)
- “Divina podestate, somma sapienza, primo amore”: Trinità
- Vermi: ignavi
- Discorso di Caronte: profezia sulla salvezza di Dante

- Virgilio: assume quasi la figura di padre (sostegnomano incoraggiante)
Aspetti stilistici e retorici
- Apertura ex abrupto (all’improvviso)
- Anafora e climax ai versi 2 e 3
- Metafora/sinestesia v. 10 (colore oscuro = tono minaccioso)
- Similitudine apparente (v.13), similitudini reali (v. 30/112-113-114-115-116/117)
- Chiasmo, versi 14 e 15
- Climax di suoni, versi 25 - 26 - 27
- Perifrasi (vv. 17-18/59-60/115/35-36)
- Applicazione legge contrappasso
- Latinismi
- Metonimia v. 93 (legno=barca)
- Stile vivace
- Molti suoni, movimento, oscurità accentuata
- Varietà linguistica
Riferimenti letterari e culturali
- AdamoBibbia

Hai bisogno di aiuto in Inferno?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email