Ominide 724 punti

Dante Alighieri - Epistole

Durante il periodo dell'esilio Dante scrisse tredici epistole che contribuiscono a darci di lui un ritratto morale. Esse furono scritte in latino e in particolare ricordiamo quelle caratterizzate da un contenuto politico. Dante infatti annuncia in esse l'arrivo di Cesare che dominerà la scena politica del tempo. Bisogna inoltre citare le epistole dal contenuto religioso che Dante rivolge ai cardinali italiani riuniti in conclave per esortarli, dopo la morte del papa Clementino V, a riportare la sede pontificia da Avignone a Roma.
Ricordiamo infine l'epistola dell'amico fiorentino in cui Dante si lamentava di essere stato esiliato ingiustamente a causa dell'agitazione politica di quel tempo. Nel periodo compreso tra la prima giovinezza e l'esilio, Dante scrisse un gruppo di sonetti ispirati alla prima giovinezza e l'esilio; alcuni di essi furono rivolti a Beatrice, pur non rientrando nella Vita nova. Ricordiamo il gruppo delle rime petrose, cosiddette poiché rivolte a una certa Petra, una donna che si negò al suo amore con spietata durezza.

Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Dante?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email