Materia, luce ed energia

Percorso a sinusoide
v = νλ
Frequenza= numero di oscillazioni complete in 1 sec (1/sec= Hertz o Mega Heartz- alla sesta-)

Natura ondulatoria della luce

La luce è una radiazione elettromagnetica= Campi elettrici e magnetici oscillanti perpendicolari tra loro e rispetto alla direzione di propagazione. È come se il campo elettromagnetico perturbasse l ‘elettrone.
C= 3 x 108
A ogni radiazione con una certa frequenza è associata un energia
E= h ν (h= costante di Planck= 6.62 x 10-34)

maggiore è la frequenza, minore è la lunghezza d'onda, maggiore è l'energia

Effetto fotoelettrico (Einstein)
Osservazioni:
Illuminando una superficie metallica con della luce e variando la frequenza si arriva a un punto in cui gli elettroni sono espulsi dal metallo→frequenza di soglia

Sopra questa frequenza il numero di elettroni espulsi dipende dall’intensità della luce.
All’aumentare della frequenza aumenta l’energia cinetica degli elettroni espulsi →eq. di Planck

conclusione: la luce è formata da fotoni (=pacchetti di energia). i fotoni hanno una certa quantità di moto che fa espellere gli elettroni. l’energia minima per espellere elettroni è quantizzzata (=serve un certo valore che deve arrivare da un singolo fotone, non dalla somma di tanti fotoni a bassa energia)

Luce come particella (oltre che come onda)
Secondo l’equazione di Einstein, i fotoni hanno una massa:
E=mc2

De Broglie:
La materia ha natura ondulatoria?
λ=h/mv (eq. di Planck + eq. di Einstein)
No perché gli oggetti non hanno una lunghezza d’onda
L’elettrone ha una natura ondulatoria?
Sì, infatti creano fenomeni di diffrazione (interferenze distruttive e costruttive) come la luce

Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità