Ominide 572 punti

Entalpia di soluzione

DH(sol) = DH1 + DH2 + DH3
Processo Endotermico: DHsol > 0, ovvero ΔH1 + ΔH2 > ΔH3; in tal caso si tratta di una soluzione non ideale nella quale le forze di attrazione tra molecole uguali (solventesolvente; soluto-soluto) sono maggiori rispetto a quella tra molecole diverse (solvente-soluto).
Processo Atermico: DHsol = 0 se ΔH3= – (ΔH1+ ΔH2) e, essendo ΔH3< 0, ciò implica che ΔH3 = ΔH1 + ΔH2 ; in tal caso si tratta di una soluzione ideale, ossia una soluzione in cui fra le molecole dei singoli componenti non esiste alcuna interazione. Il processo complessivo di soluzione può essere sia endotermico che
esotermico (o, al limite, nullo).
Processo Esotermico: ΔHsol < 0, ovvero ΔH3 > ΔH1 + ΔH2; in tal caso si tratta di una soluzione non ideale nella quale la forza di attrazione tra molecole diverse (solvente-soluto) è maggiore rispetto alle forze tra molecole uguali (solvente solvente; soluto-soluto).

Calori di idratazione

DHsol = DHsoluto + DHsolvente + DHmesc
In DHsol è difficile misurare singolarmente le componenti DHsolvente + DHmesc. La combinazione di questi termini rappresenta la variazione di entalpia durante la solvatazione, il processo con cui una particella di soluto si circonda di particelle di solvente. In acqua il processo è detto idratazione. Perciò, combinando le variazioni di entalpia per separare le molecole d’acqua (DHsolvente) e per mescolare il soluto con esse (DHmesc) si ottine il calore di idratazione (DHidr).
Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email