Ominide 232 punti

Scoperte mediche del XVII secolo

Nel passato pochi medici studiavano sul campo la maggior parte studiava sui libri. A partire dal XVII secolo, iniziarono gli studi sul campo.
• 1819: Laennec inventò lo stetoscopio: prima di allora l’ascolto cardiaco avveniva appoggiando l’orecchio sulla gabbia toracica;
• 1860: Pravaz mette appunto la siringa ad iniezione: prima di allora la somministrazione di farmici era o orale o per via cutanea, sotto forma di unguenti. Alcuni farmaci venivano inattivati dai succhi gastrici risultando inefficaci.
• 1846: William Marton e l’anestesia con l’etere : prima di allora l’anestesia consisteva nella perdita sensoriale attraverso un piccolo soffocamento, ubriacatura o botte in testa. Il chirurgo veniva considerato bravo in base alla sua rapidità. La chirurgia non si sviluppo perché i pazienti temevano l’operazione.

• 1847 Semmelweis e l’infezione operatoria: la maggior parte delle operazioni andavano male a causa delle infezioni dovute alle scarse condizioni igieniche. Non vi era ancora il concetto di microbo, ma il tasso di mortalità si ridusse.
Con l’introduzione dell’anestetico e dell’igiene operatoria il chirurgo diviene medico e non più macellaio ->sviluppo della chirurgia.

Hai bisogno di aiuto in Nozioni basilari?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email