Genius 13410 punti

Incroci tra linee pure

Per seguire gli esperimenti di G. J. Mendel è opportuno acquisire alcuni termini e simboli invalsi nella Genetica:
• la generazione parentale viene indicata con P;
• la progenie dell’incrocio P è definita prima generazione filiale e indicata con F1
• dall’incrocio tra individui F1 si ha la generazione F2 e così via.
• i simboli (♂) (♀) indicano rispettivamente il sesso maschile e quello femminile.

Nei suoi primi esperimenti Mendel impollinò piante di piselli che presentavano il carattere semi lisci già da molte generazioni (linee pure) con polline di piante con semi rugosi e viceversa; il risultato fu una progenie (F1) costituita tutta di semi lisci (FIG. 10.2).
Gli individui F1 presentavano dunque tutti uno stesso carattere (seme liscio), mentre il carattere seme rugoso risultava mascherato; oggi il carattere seme liscio è definito dominante e per convenzione il fattore che lo determina viene indicato con l’iniziale maiuscola (S) del termine inglese smooth, mentre l’altro carattere (seme rugoso), definito recessivo, viene indicato con la stessa iniziale, minuscola (s).

Mendel nel caso descritto aveva operato una fecondazione incrociata o incrocio provocando la fusione dei gameti maschili di una pianta con i gameti femminili prodotti da un’altra pianta della stessa specie; in natura invece il pisello si riproduce per autofecondazione, cioè per fusione dei gameti entro lo stesso fiore (il polline prodotto dagli stami cade sul pistillo, che contiene il gametofito femminile, entro lo stesso fiore).
Il risultato di questa esperienza, compendiato in un primo tempo nel Principio della dominanza (L’incrocio di individui che differiscono per una coppia di caratteri produce individui F1 con il solo carattere dominante), non venne però confermato in tutti i successivi esperimenti; nell’incrocio di piante con fiori rossi con piante a fiori bianchi (Mira bilis fatapa), ad esempio, vengono prodotti individui F1 tutti con fiori rosa (caratteristica intermedia tra quella dei due genitori) e l’esperimento evidenzia una dominanza incompleta o parziale; in altri casi l’ibrido F1 presenta entrambe le caratteristiche parentali (co-dominanza) .Per questo motivo si preferisce oggi parlare di uniformità degli individui F1.

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Metti mi piace per copiare
Sono già fan
oppure registrati
Consigliato per te
Maturità 2018: come si fa il saggio breve? La guida completa