Genius 32559 punti

Il gene procariotico

Il gene procariotico è costituito da sequenze codificanti o strutturali, corrispondenti alla successione di triplette che codificano per gli amminoacidi, e da sequenze segnaletiche che indicano l’inizio e il termine della trascrizione e della traduzione. Nel gene procariotico vi sono geni strutturali che vengono trascritti in mRNA e geni regolatori e promotori. Nella figura cinque geni strutturali, un promotore e un operatore costituiscono un operone per la sintesi (mediante enzimi)
dell’amminoacido triptofano.

Solo nei procarioti più complessi vi sono particolari sequenze nucleotidiche adibite a funzioni diversificate, quali la regolazione dell’espressione del gene. la ricombinazione, lo spostamento di tratti di DNA all’interno dello stesso genoma. In rapporto alle funzioni, i geni vengono definiti unità di regolazione, unità di ricombinazione, unità genetica mobile e così via.

I geni contigui. che svolgono funzioni coordinate, vengono trascritti in un’unica molecola di mRNA e in termini operativi costituiscono un’unità di trascrizione, ovvero un operone.
Il DNA procariotico sono dei filamenti di DNA estrusi da un batterio. Nella cellula, il DNA è costretto nella struttura a collana di perle ed è organizzato ad anello; occupa un piccolo spazio.
Nel gene procariotico vi sono geni strutturali che vengono trascritti in mRNA e geni regolatori e promotori. Cinque geni strutturali,un promotore e un operatore costituiscono un operone per la sintesi (mediante enzimi) dell'amminoacido triptofano)

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email