La via del Pentosio fosfato è un processo citosolico alternativo di ossidazione del glucosio dal quale si ottiene "potere riducente" sotto forma di NADPH + H+, la via del pentosio fosfato produce il ribosio 5-fosfato indispensabile per la sintesi dei diversi nucleotidi utili sia per la struttura degli acidi nucleici che per la costituzione di molti coenzimi.
Il glicogeno è invece un polimero del glucosio, viene sintetizzato nel fegato e nel muscolo in condizioni di abbondanza dello zucchero nel sangue attraverso glicogenosintesi. Il processo inverso, il glicogenolisi, avviene invece quando l'organismo deve mantenere nel sangue il livello basale di glucosio (circa 5 mM). Solo il glicogeno epatico viene utilizzato dall'organismo per controllare i livelli di glucosio nel sangue; il glicogeno muscolare è invece utilizzato dal muscolo per alimentare la propria attività. In condizioni di digiuno prolungato, la maggior parte delle richieste di glucosio viene soddisfatto in tutto l'organismo dalla gluconeogensi, ovvero dalla sintesi di glucosio a partire da precursori non glucidici.

Data l'importanza del glucosio come carburante energetico, tutte le vie metaboliche che lo vedono protagonista sono nettamente concatenate è inerente regolate grazie all'azione di due ormoni come l'insulina e il glucagone. L'insulina stimola la glicolisi epatica e la glicogenosintesi e inibisce i processi di gluconeogensi e glicogenolisi con l'obiettivo di ridurre ma concentrazione di glucosio nel sangue; il glucagone ha l'effetto opposto, ovvero stimola la glicogenolisi (solo nel fegato) e la gluconeogenesi, inibendo la glicolisi epatica e la glicogenosintesi con l'obbiettivo di far risalire la concentrazione di glucosio nel sangue.

Hai bisogno di aiuto in La cellula?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email