Video appunto: Apoptosi intrinseca ed estrinseca

Apoptosi intrinseca ed estrinseca



L’apoptosi può essere indotta da segnali cellulari o extracellulari, si parla quindi di due vie dell’apoptosi:
• via estrinseca: una cellula che può anche stare benissimo riceve dall'esterno un segnale di morte captato dai cosiddetti "recettori di morte";
• via intrinseca: attivata da segnali interni alla cellula, sono dei segnali di stress che possono provenire dal nucleo (il DNA è stato danneggiato, si vuole quindi evitare di produrre altre cellule danneggiate) o dal RE, stress del reticolo endoplasmatico (quando per esempio proteine che dovrebbero essere secrete si fermano nelle cisterne del RE e si accumulano lì perchè per esempio mal ripiegate, formando un accumulo dannoso per la cellula).
Il protagonista è il mitocondrio: i segnali intracellulari di stress si concretizzano in proteine della famiglia Bcl-2 associate alla membrana esterna del mitocondrio che la modificheranno a formare dei pori da cui uscirà il citocromo C, protagonista della respirazione che sarà quindi impossibile.

In entrambe le vie ci sono proteine che ne regolano l'andamento:
• famiglia Bcl-2: alcune hanno funzione anti-apoptotica, come la Bcl-2, altre mandano la cellula in apoptosi (bad, bax); è la famiglia che decide, il destino della cellula dipende dai rapporti di equilibrio tra le due classi;
• caspasi: (caspasi; c=cisteina, il loro dominio ne è ricco, asp=aspartato demoliscono altre proteine andando a tagliare in prossimità di un acido aspartico, asi=proteine che demoliscono altre proteasi) entrano in gioco in un secondo momento, sono proteine demolitrici; nella cellula sono già presenti come pro-caspasi: una volta che gli vengono tolte delle porzioni diventano caspasi ed entrano in azione.