Video appunto: Tipologie di cellule e tassonomia

Tipologie di cellule



Procariote



Forma primitiva, non compartimentata, organismi unicellulari a riproduzione a sessuata, organizzati in due regni:
• eubatteri
• archeo batteri
Eucariote
Più complessa, posteriore, compartimentata, in cui i compartimenti danno una razionalizzazione al lavoro cellulare.

Possono essere:
• Unicellulari: regno dei protisti, sottoregno dei protozoi
• Pluricellulari: regni dei protisti, animali, piante, funghi (anche pochi funghi eucarioti unicellulari: lieviti) (ci sono sia protisti uni che pluricellulari)
Un progenitore comune procariote si è evoluto per un lungo periodo nelle acque, durante la quale c’è stata una diversificazione in due domini: procarioti ed eucarioti.
Gli archea si pensa siano i discendenti dei primi procarioti comparsi sulla terra, vivono in nicchie isolate anaerobiche (come era l’atmosfera primordiale).

La tassonomia



I naturalisti, avendo a che fare con milioni di specie, hanno ideato un contenitore, il concetto di
specie: un gruppo di individui che hanno caratteriste simili e in grado di accoppiarsi e produrre prole fertile (si riferisce a organismi con riproduzione sessuata, per quelli a sessuati la definizione di specie si concentra sulla morfologia e al giorno d'oggi sul genoma).

Questa è la tassonomia proposta da Linneo, dal raggruppamento più grande al più piccolo, qui con l’esempio di un leopardo:
1. Dominio: eucarioti
2. Regno: animali
3. Filuum: cordati (hanno anche solo per una fase embrionale una corda dorsale)
4. Classe: mammiferi
5. Ordine: carnivori
6. Famiglia: felidi
7. Genere: pantere
8. Specie: leopardo (panthera pardus)