Video appunto: Mastociti

Mastociti



Il mastocita può essere considerato simile al granulocito basofilo del sangue. La principale caratteristica del mastocita è la presenza di numerosi voluminosi granuli citoplasmatici. Di questi granuli alcuni sono riconducibili a lisosomi, ma la maggior parte consiste in granuli specifici per questa cellula; questi ultimi sono fortemente basofili alla microscopia ottica e di fatto sono vescicole destinate alla secrezione.
Queste contengono una varietà di sostanze attive tra cui spiccano quelle elencate nella seguente
breve lista: eparina, istamina, eparan-solfato, leucotrieni, interleuchine.
Il plasmalemma del mastocita presenta numerosi recettori per le immunoglobuline di tipo E (IgE). Le IgE si legano alla superficie del mastocita con la loro porzione attiva rivolta verso l'ambiente circostante, come a monitorare il terreno. In presenza dell'antigene specifico per queste immunoglobuline, il legame tra quest'ultimo e IgE innesca una cascata di segnale che stimola il mastocita a secernere il contenuto dei granuli. Quando lo stimolo è forte si assiste un massiccio rilascio dei mediatori descritti. Si tratta di un fenomeno citologico peculiare che si chiama esocitosi composta. Anziché fare singolarmente esocitosi, le numerose vescicole presenti nel citoplasma del mastocito si fondono tra loro e solo quelle più superficiali si fondono con la membrana plasmatica.