pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Vitamina D


La vitamina D la possiamo introdurre o con gli alimenti o sintetizzarla a livello della cute. La forma che viene sintetizzata è il colecalciferolo, D3. La vitamina D2 è invece l’ergocalciferolo.
Il ruolo biologico della vitamina è quello di stimolare l’assorbimento intestinale del calcio e del fosforo, il riassorbimento a livello renale del calcio, i processi di mineralizzazione ossea e la differenziazione di alcuni tipi di cellule.
La forma attiva è l’1,25(OH)2D. Una prima idrossilazione a livello epatico in posizione 25 dell’anello da il 25 idrossicolecalciferolo che successivamente a livello del rene subisce una seconda idrossilazione in posizione 1 e solo a questo punto sarà un composto attivo. Quest’ultima idrossilazione è strettamente regolata dal calcio, dall’ormone paratiroideo e da bassi livello di fosforo. Tra i fattori secondari troviamo prolattina, insulina, ormoni tiroidei ecc.
I pesci grassi, uova e latte sono ricchi di questa vitamina.
Il segno di carenza della vitamina più evidente è il rachitismo. La differenza del rachitismo della vitamina C è che a livello delle costole si trova una situazione più curveggiante. Un’altro segno è l’incurvamento delle ossa lunghe.
In condizioni fisiologiche l’esposizione alla luce solare è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di vitamina D dell’organismo.
Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017